menu

Canalina termica o canalina in alluminio?

Dando un’occhiata al nostro articolo scoprirai il perché il 66% delle finestre presenta la condensa sul vetro e cosa dovresti fare per evitala attraverso la canalina termica.

Andremo a visionare in modo semplicissimo che cosa è una canalina, perché è così fondamentale, quanto può farti risparmiare e qual è meglio scegliere.

 

 

 

Che cos’è la canalina?

 

La canalina (o distanziatore) è un elemento di unificazione tra le lastre di vetro (vetrocamera), in parole semplici, viene posizionata su tutto il perimetro dei vetri e li tiene uniti.

Può essere di pochi millimetri, ma anche molto grande (27 mm), spesso quest’ultime, utilizzate per mettere all’interno del vetro la veneziana.

Il materiale più utilizzato in genere è l’alluminio, ma, esistono altri tipi di materiali ISOLANTI che hanno lo scopo di mantenere il bordo caldo.

 

 

 

 

 

 

 

Perché è fondamentale la canalina a bordo caldo?

 

Innanzitutto, il suo scopo è l’unione delle due lastre di vetro, ma anche l’evitare l’appannamento dei vetri, grazie a dei sali che si trovano all’interno della canalina.

 

 

 

 

 

 

 

 

Cos’è la canalina a bordo caldo?

 

La canalina a bordo caldo è una canalina realizzata con materiale isolante. Purtroppo, i due terzi delle finestre immesse sul mercato hanno ancora la canalina in alluminio e tutti i problemi che ne derivano.

Quesito: Se dovessi progettare degli infissi isolanti, per l’unione dei vetri useresti un materiale che isola o un materiale conduttore di caldo e freddo?

Quasi sicuramente avrai scelto un materiale isolante, eppure, ancora oggi, il 66% delle finestre presenta le canaline in alluminio.

La canalina warm edge riduce al minimo il rischio di condensa sui vetri, abbassa i costi di riscaldamento e per le versioni come la superspacer di avere meno rumore in casa.

 

 

 

 

 

 

 

 

Perché evitare la canalina in alluminio?

 

🔴  Trasmette la temperatura esterna, all’interno, aumentando di gran lunga i costi di riscaldamento e raffreddamento.

🔴  Produce un ponte termico pazzesco che condurrà sempre alla condensa sul perimetro del vetro.

 

E’ ovvio che se acquisti un infisso di ultima generazione dovrai preoccuparti che il vetro sia dotato di canalina calda, ci raccomandiamo!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Canalina termica, esempio:

 

Il valore di dispersione termica delle canaline si misura con il Psi, vediamo degli esempi su un infisso in alluminio taglio termico.

 

 

                MATERIALE          VALORE TERMICO PSI

                            Alluminio

                      0.11

                          Acciaio inox

                      0.07

            Schiuma strutturale (Superspacer)

                     0.037

              Plastico (Swisspacer Ultimate V)

                     0.036

 

 

Tra l’alluminio e lo swisspacer c’è il 58% di differenza, che può incidere dal 5 all’8% sull’isolamento totale dell’infisso.

In un infisso con doppio vetro di ultima generazione avrai una temperatura del perimetro del vetro dai 14° ai 16°, con la canalina in alluminio di 12°, ecco spiegato il perché della condensa.

 

 

 

 

 

 

Quale canalina a bordo caldo è meglio utilizzare?

 

Sicuramente meglio utilizzare quelle in materiale plastico, che garantiscono la miglior performance e il maggior isolamento senza rischio di condensa sul vetro. Noi, utilizziamo la swisspacer ultimate.

L’aumento del costo tra canalina calda e canalina in alluminio è di pochi € al metri lineare e viene ovviamente ripagato dal risparmio sulla bolletta nei primi anni.

Avere la canalina in alluminio sarebbe come avere un termosifone che lavora al contrario, in inverno ti porta il freddo e in estate il cado.  Chi acconsentirebbe di fare una cosa simile? il 66% di chi fa infissi.

 

 

 

 


 

 

 

 

Se hai letto tutto l’articolo avrai adesso la conoscenza di base per fare la scelta giusta, ultimo consiglio, non farti abbindolare dalla grandezza della canalina, la migliore performance si ottiene tra i 15 e i 18 mm.