menu

Controtelaio metallico o termico?

Devi ristrutturare casa acquistando nuovi infissi e non sai come orientarti per le varie proposte? Cominciamo allora a far chiarezza e partiamo da uno degli errori più frequenti riguardanti il nostro settore.

 

 

Perché il controtelaio metallico è da evitare?

 

Spesso, in fase di sopralluogo ci ritroviamo davanti al controtelaio in metallo, la maggior parte delle volte proposti ad ignari clienti che fidandosi della ditta scelta, non danno importanza alle caratteristiche dei materiali, questo risulta uno dei più grossi errori che si possa commettere per quanto riguarda il “foro finestra”.

 

Il controtelaio essendo un elemento di contatto tra il mondo esterno e quello interno, dovrebbe avere le caratteristiche prestazionali uguali a quelle del serramento. Se esse, risultano inferiori, il rischio col tempo è quello di ritrovarsi con la muffa attorno alle finestre.

 

 

 

 

 

 

 

In poche parole, si crea un ponte termico che raffredda le superfici dove iniziano a formarsi condensa e muffa.

E’ inutile acquistare un serramento performante, tralasciando la scelta del controtelaio, hai idea di quanto possa essere pericolosa la muffa per te e per i tuoi cari? Leggi cosa dice il ministero della salute.

 

 

 

 

 

 

 

Oggi, l’obbiettivo di ogni casa è quello di evitare completamente la dispersione termica e abbattere i costi energetici. 

Un infisso progettato bene, di fronte ad un’orribile posa in opera non può far nulla per evitare il problema della condensa e della muffa. 

 

 

Come evitare il ponte termico?

 

Il controtelaio è una struttura che sta tra la muratura e il serramento. Nelle case moderne il ruolo del controtelaio termico è quello di abbattere il problema della conducibilità termica. 

 

Per ovviare alla formazione di muffa e condensa si è iniziato ad utilizzare il massello grezzo non trattato di abete che, se da una parte risolveva il problema della conducibilità termica, dall’altra creava grave disagio al serramento visto che lo sbalzo di temperatura comporta deformazione.

 

La soluzione per ottenere alte prestazioni energetiche è il controtelaio termico, che garantisce:

• L’eliminazione delle irregolarità dell’opera di muratura;

• Migliore riquadratura interna dell’intonaco o dei rivestimenti;

• Durata nel tempo grazie alla stabilità;

• Isolamento di infiltrazioni di acqua e aria;

• Mantenimento della temperatura interna.

 

Il controtelaio favorisce anche sull’abbattimento acustico abbattendo i rumori provocati dall’esterno e migliora la capacità dell’isolamento della casa.

 


 

Per capire in modo più approfondito come mai il controtelaio in ferro non vada più utilizzato in assoluto, basta pensare che la sua conduttività termica equivale a 50, mentre quello in legno è di 0,12, non si può quindi, nemmeno parlare di isolamento termico perché la quantità di energia che gli passa attraverso provoca senza alcun dubbio il ponte termico.

Noi della Sicilinfissi, studiamo al meglio il nodo di posa primario (costruzione del controtelaio) e il nodo di posa secondario (ovvero la posa del serramento sul controtelaio), prenota una consulenza, noi saremo sempre a tua completa disposizione.